Cani da assistenza

L'A.S.D. Centro Cinofilo delle Vaude (Torino) si dedica all'attività sportiva cinotecnica e collabora con esperti per l'addestramento dei Cani da Assistenza, in particolar modo con il Centro Cinofilo delle Vaude di Susanna Coletto, che si occupa della preparazione di cani preposti per dare un supporto ed un sostegno a persone in situazione di disagio.

Con il termine cani di assistenza alle persone con disabilità si intendono, infatti, tutti i cani, oltre ai cani guida per non vedenti e ipovedenti, che assistono persone con disabilità fisiche, cognitive o mentali, svolgendo alcune funzioni e dei compiti che l'individuo con disabilità non può eseguire autonomamente.

Tali cani, oltre ad essere inseparabili compagni di vita, consentono, infatti, di rendere più agevoli alcuni aspetti della vita quotidiana dei loro proprietari, aiutandoli a superare, in alcuni casi ansie, paure, problemi fisici e psicologici e ad "abbattere" le barriere causate dall'ambiente. 

In taluni casi questi binomi possono essere avviati a veri e propri percorsi cinofilo - sportivi: L'A.S.D. CENTRO CINOFILO DELLE VAUDE, propone a tal riguardo attività sportive per persone con disabilità con i loro cani.

Tutti i cani possono diventare cani d'assistenza?

Sebbene non ci siano pregiudiziali di razza, occorre che i soggetti destinati a questo tipo di attività siano selezionati in modo scrupoloso e da persone competenti, in quanto devono avere caratteristiche ben precise, quali la docilità, la socialità, una bassa aggressività, una buona reazione a stimoli e segnali  e una grande capacità di apprendimento per poter svolgere al meglio i loro compiti e vivere accanto al proprietario e in società senza problemi.  

La preparazione dei cani d’assistenza

Tali cani devono essere accuratamente socializzati ed educati fin da cuccioli e devono svolgere un addestrativo specifico a seconda dei compiti che devono svolgere.

Anche se è difficile quantificare il tempo necessario per l’addestramento dei cani da assistenza, il percorso è normalmente lungo, almeno tra 8 e 10 mesi, anche se può richiedere fino a due anni.

Generalmente gli animali vengono selezionati da cuccioli e il loro proprietario li adotta quando sono già in preparazione o addirittura già educati completamente, anche se in alcune occasioni si cerca di educare un animale già di proprietà della persona disabile.


IL CENTRO CINOFILO DELLE VAUDE DI SUSANNA COLETTO E I CANI D’ASSISTENZA

Il Centro utilizza un protocollo ben preciso che parte dalla richiesta e dall’esigenza del futuro proprietario, lo accompagna nella scelta dell’animale più adatto alla persona affidandosi alla collaborazione di allevatori di fiducia e lo affianca nel percorso di socializzazione, educazione ed addestramento, fornendogli gli strumenti per avere non solo un cane preparato ma un vero e proprio compagno di vita. 

In particolare il Centro è specializzato nell’addestramento di:

  • Cani da assistenza per persone con problemi di mobilità (insegnando al cane ad es. a raccogliere e riportare oggetti, aprire e chiudere cassetti e porte, accendere e spegnere luci, etc…);
  • Cani da allerta medica, in particolare cani per diabetici (insegnando al cane a segnalare crisi ipo e iper glicemiche, a portare al proprietario kit salva vita, dare l’allarme all’insorgere di una crisi, etc…)
  • Cani da assistenza e supporto psichiatrico in grado di dare sostegno psicologico a persone con varie patologie.

Cani d’assistenza psichiatrica c.a.p. ®  

Si tratta di cani appositamente addestrati ad assolvere alcuni compiti a favore di conduttori con disabilità psichiche o malattie mentali, temporanee o permanenti. 

Alcuni di questi cani d’assistenza psichiatrica
 possono essere addestrati a segnalare o interrompere dei comportamenti pericolosi o ripetitivi, compiuti dai loro conduttori.
Altri possono avere il compito di ricordare al conduttore di assumere una determinata medicina, altri cani da assistenza ancora possono essere un valido aiuto nel "valutare" l’ambiente nel caso in cui il conduttore sia in quel momento in stato di paranoia o vittima di allucinazioni. 

I cani d’assistenza psichiatrica, alla stressa stregua dei cani che assistono persone con disabilità fisiche, possono essere anche addestrati a riportare oggetti smarriti, guidare il conduttore in strada, nei negozi, negli uffici, nei luoghi di aggregazione sociale, etc.
Essi sono da supporto, anche e sopratutto nel caso in cui il conduttore sia in stato confusionale. 
I cani da assistenza 
possono appartenere a qualsiasi razza e, in genere, sono addestrati dalla persona che ne diviene anche il conduttore, ovviamente tramite il supporto di personale altamente specializzato.

Cani da sostegno psichiatrico 

Diversamente rispetto ai cani d’assistenza psichiatrica, i cani da sostegno psichiatrico non richiedono un addestramento particolare ma devono essere educati in modo tale da comportarsi in modo corretto all’interno del nucleo familiare e nella società, con il supporto di personale altamente specializzato.


L'addestratore aiuta il conduttore e proprietario nella scelta dell’animale, nel suo inserimento a livello abitativo e familiare, nella socializzazione e addestramento. In ogni caso l’adozione di un cane da sostegno psichiatrico dev’essere suggerita dal terapeuta, dopo aver accertato che effettivamente il paziente possa trarre beneficio dalla convivenza con un animale domestico. Negli Stati Uniti, i cosiddetti “emotional dogs - ESA” vengono prescritti dai medici tramite un apposito modulo che consente ai proprietari di ospitare l’animale, in qualsiasi tipo di abitazione e cabina di aereo.

A cura del Dott. Aldo Violet e della Dott.ssa Susanna Coletto